domenica, Maggio 19 2024

Nella tradizione popolare la rondine è sempre ben vista, in quanto libera l’ambiente dai fastidiosi insetti, mentre la passera devasta i campi seminati e le messi.

Una credenza narra che la rondine, volando altissima nel cielo, veda la Madonna in trono con gli angeli e di questa sia prediletta; inoltre il suo ritorno coincide con il periodo  della Passione e quindi della Pasqua; essa è annunciatrice di bel tempo o pioggia.

In Toscana, soprattutto nella lucchesia, veniva ripetuta a mo’ di proverbio una frase:

Rondine benedetta e passera maledetta!

I contadini spesso, collegavano ciò che accadeva loro nei campi, con il messaggio di Dio, creando delle vere e proprie parabole.

Si narra, che mentre Cristo era sulla croce, la rondine, compassionevole, cercasse di togliere le spine acuminate dal capo di Gesù.

La passera invece faceva l’esatto contrario, conficcando i rovi nella testa del cristo, ferendolo ulteriormente.

Da quel giorno la rondine – per la gratitudine del Signore nei suoi confronti – è amata dagli uomini; quando arriva l’inverno si trasferisce nei paesi caldi per vivere meglio e cibarsi.

Come in una sorta di contrappasso dantesco la passera invece è cacciata dagli uomini di giorno e dai rapaci la notte; quando arriva il freddo patisce la fame nei campi coperti di neve, rimanendo impigliata nelle trappole.

 

Previous

Il palio del baluardo

Next

Prato, la città di Mercurio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche