giovedì, Febbraio 29 2024

All’inizio del mondo, Dio creò ogni cosa: la terra, le stelle, le montagne e l’uomo.

Di paese in paese cominciò a creare i vari popoli, fino ad arrivare in Italia.

Creò i milanesi, i genovesi, i napoletani ecc. quando arrivò in Toscana giunse anche l’ora degli aretini.

Dio lavorava senza tregua e, anche se la stanchezza si faceva sentire, cercava di fare attenzione a non tralasciare nessuno particolare. L’aretino era quasi fatto e il Signore dava ritocchi in qua e là per completare al meglio la Sua creazione. Purtroppo, proprio per colpa della stanchezza, si era scordato di fare gli orifizi del naso e della bocca e l’aretino non respirava.

Disperato l’uomo mugolava e gonfiando sempre più diventava rosso dimenandosi.

Continuando a finire gli ultimi tocchi, Dio lo teneva fermo in quel supplizio, continuando a non rendersi conto del male che affliggeva l’aretino.

Alla fine Dio s’accorse e lestamente, con uno schiocco di dita, aprì le cavità respiratorie.

A quel punto, l’aretino senza far in tempo a respirare proferì infuriato verso il Creatore:

 

“Io k…, me vulivi fère schjantère?”

 

(Io c…, mi volevi far schiantare?)

 

Fu questo il primo saluto e il ringraziamento che fece l’aretino a Dio, colui che l’aveva plasmato.

 

Questa è una leggenda di fondazione che vuol sottolineare la caratteristica ruvidità degli aretini, della quale essi stessi si compiacciono. “La presenza della bestemmia, se vogliamo, non è da considerarsi ingiuria sacrilega ma più un ornamento del linguaggio corrente. (Carlo Lapucci)”

Previous

Pistoia e la testa del traditore

Next

La "vecchiaccia" di Poggibonsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche