domenica, Giugno 16 2024

Nella città dell’orso si trova sulla facciata del Palazzo comunale una testa di marmo nero che sta murata alla sinistra del balcone centrale.

Sopra la testa vi è una mazza di ferro e accanto delle chiavi.

Si narra che sia la testa di Musetto II di Maiorca sconfitto dal pistoiese Grandone de’ Ghisilieri che all’epoca operava per i pisani come comandante generale alla conquista delle Baleari nel 1113.

Altri dicono che invece la testa appartenga a Filippo Tedici, il quale consegnò Pistoia nelle mani di Castruccio Castracani col tradimento.

Martino Panciatichi venne a sapere che il Tedici si trovava sulle montagne pistoiesi a sottomettere nuovi castelli e spinto da vecchie avversioni lo inseguì con un esercito per distruggerlo.

 

Gli schieramenti si affrontarono nella zona di Popiglio e il Panciatichi distrusse l’esercito del Tedici.

Ma il Tedici non era morto, si nascondeva tra i caduti dello scontro, ma fu trovato e portato davanti al Panciatichi.

Quest’ultimo decise di affrontarlo in un duello con la spada, nel quale ebbe la meglio decapitando, appunto, l’avversario.

Con la testa del traditore montò a cavallo e di corsa al galoppo entrò in Piazza del Duomo gridando:

– Pistoiesi eccovi la testa del traditore della patria!

Issata a una picca la testa fu scherno del popolo e fu appesa al Palazzo degli Anziani. In seguito per trarne memoria il Comune decise di scolpire diverse teste simili in pietra per collocarne in diversi punti della città a monito di cosa succede ai traditori.

Previous

Il Mangia in vetta alla Torre

Next

L'aretino che salutò Dio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche