mercoledì, Luglio 17 2024

Un giorno, passando per la campagna grossetana, il Signore trovò un pastore col proprio gregge.

Incuriosito Gesù gli si fece vicino.

– Buongiorno amico, ho molta sete potresti darmi un po’ di latte delle tue pecore?

– Queste pecore purtroppo non ne danno nemmeno un goccio; chiedi a qualcun altro.

Dopo molto tempo, Gesù tornò di sera dallo stesso pastore assieme a San Pietro.

L’ora ormai era tarda ed entrambi erano senza riparo, allora – vedendo l’uomo che se ne stava accanto a una capanna – gli chiesero:

– Salve buonuomo, non abbiamo dove dormire stanotte, potresti ospitarci?

– Salve, putroppo la capanna non è mia e senza il permesso del padrone non posso farvi entrarne nessuno. Cercate altrove.

Dopo l’ennesimo diniego, il Signore e Pietro si arrangiarono alla meglio dormendo alla Locanda della Bella Fronda: patendo il ghiaccio, il vento e la rugiada.

Al mattino dopo, il discepolo e il Maestro si rimisero in cammino e, proprio per la strada, incontrarono il solito pastore che portava al villaggio un cesto pieno di ricotta e formaggi.

Avvicinatisi Gesù gli chiese:

– Cosa porti nel canestro?

Il pastore che non voleva rivelare il contenuto per non fare a mezzo con nessuno rispose:

– Qui non c’è nulla! È solo un cesto pieno di penne.

– Penne dici? – Ribattee Gesù. – E allora penne avrai!

In quel momento l’uomo dei campi si trasformò in un cuculo pieno di penne e volò via nel cielo.

Come in un contrappasso, il pastore venne ripagato dalla sua stessa moneta. Difatti il cuculo non ha casa, non ha provviste e nemmeno famiglia. È noto per non fare nemmeno il nido e di deporre le proprie uova nei nidi altrui.

Previous

La leggenda del gigante bianco

Next

Il prigioniero della Rocca di San Miniato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche