lunedì, Aprile 22 2024

Si narra che Francesco di Marco Datini, noto mercante pratese per aver inventato la cambiale, si recò – all’inizio della propria carriera di mercante – alle isole Canarie.

Sceso dalla propria nave fu invitato a corte dal Re locale e a palazzo prese parte a un grande banchetto.

Insieme a Francesco vi erano tanti altri commensali, ma durante le portate, frotte di topi si facevano avanti da ogni parte per mangiare il cibo per gli ospiti.

La piaga dei topi era sempre presente a palazzo a ogni pasto. Allora Francesco, con mente astuta, non se lo fece ripetere due volte, lasciò il Re e se ne andò alla propria nave per prendere una gatta che era a bordo.

Portato l’animale a palazzo ne fece dono al sovrano e, subito, la gatta iniziò a cacciare i topi, facendone strage.

Il Re contento di quella trovata ripagò Datini con una quantità favolosa di gioielli.

Ripartito per Prato, l’anno dopo tornò all’isola, ma questa volta portando un gatto maschio per fare una coppia che generasse altri gatti.

Il Re prese il gatto maschio e, nuovamente contento, raddoppiò il premio dell’anno precedente per Francesco.

Così si dice avviò la fortuna del Datini.

Previous

La rifondazione di Pisa

Next

Il Mangia in vetta alla Torre

L'Autore

Paolo Torracchi

Oggi autista professionista in Autolinee Toscane, ieri in Cap Autoline anche come socio.

Segretario mobilità Fit-Cisl Prato

Autore, con Andrea Cambi, del libro "Legati da una Cintura" sulla storia della Sacra Cintola della Madonna con la Prefazione del Vescovo Emerito di Prato Gastone Simoni.

Il mio passato mi ha visto come grafico, fotografo e video maker, laureandomi nel 2010 con una tesi sul cinema stereoscopico (3D) dal titolo: “Dalla stereovisione al cinema 3D – vecchie e nuove forme di image entertainment”, relatore Arch. Giorgio Verdiani, correlatrici prof.ssa Cristina Andolcetti e prof.ssa Maddalena Ammannati, presso l’Università degli Studi di Firenze.
Nel 2009 ho frequentato il corso di montaggio cinematografico, docente Sirio Zabberoni, presso la Scuola di Cinema Anna Magnani di Prato.
Nel 2006 mi sono diplomato col massimo dei voti come “Tecnico grafico pubblicitario” presso l’Istituto Francesco Datini di Prato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche